Menu

La Storia

Il Villaggio Solidale

Il Villaggio Solidale di Mirano è un luogo residenziale, educativo e ricreativo fondato sulle relazioni, il rispetto ed il reciproco aiuto: le persone che vengono accolte vivono situazioni di temporanea difficoltà tra cui anziani, nuclei familiari, mamme sole con figli, persone disoccupate e persone con disagio psicofisico, persone che provengono da altre città per studio o lavoro e dal 2014 anche i richiedenti protezione internazonale. Inoltre nel Villaggio fin dall’inizio sono residenti alcune famiglie solidali, nuclei familiari che volontariamente scelgono di condividere una parte del proprio tempo e del proprio spazio con le persone in difficoltà. Le persone ospitate potranno trarre sostegno e beneficio dalla vicinanza delle famiglie solidali e degli altri abitanti del Villaggio, in una dinamica di mutuo-aiuto e valorizzazione delle caratteristiche personali.

I lavori di costruzione sono iniziati nell’estate del 2009 e il Villaggio Solidale ha iniziato ad accogliere persone e famiglie in difficoltà a partire dal giugno 2011. Nel 2015 con il completamento e l’entrata a pieno regime della comunità alloggio e del gruppo appartamento “Casa Nuova Aurora” per persone con disabilità psico-fisiche, il Villaggio Solidale ha raggiunta la sua completezza, ed ora ospita circa 100 persone.

 

2014 : Fine Lavori di CASA NUOVA AURORA

A metà 2014 è avvenuta l’apertura di Casa Nuova Aurora, una grande struttura di 4 piani costruita in classe energetica “gold” per minimizzare l’impatto ambientale.  Tale struttura del Villaggio accoglie:

–  persone con disabilità psico-fisica  medio-grave negli spazi e con i servizi offerti dalla comunità alloggio EOS con 10 posti

–  persone con disabilità psichica lieve o lieve disagio psichiatrico che hanno la possibilità di iniziare percorsi di vita in semi-autonomia all’interno di 4 gruppi appartamento.

– due appartamenti per accoglienze di più single in condivisione  o nuclei familiari in stato disagio abitativo

– Uffici e sale per attività aggregative degli abitanti del Villaggio, volontari, attività aperte agli esterni al piano seminterrato.

 

24 giugno 2011 : INAUGURAZIONE DEL VILLAGGIO SOLIDALE

Venerdì 24 giugno 2011 in compagnia di circa 250 partecipanti abbiamo inaugurato il Villaggio Solidale di Mirano!

I preparativi sono stati impegnativi, tutti gli organizzatori e volontari hanno dato del loro meglio per accoglienza i partecipanti col dovuto calore e decoro.

Per noi della Fondazione Cav. Guido GIni é difficile pensare a una maniera migliore di inaugurare il Villaggio: l’attenzione, l’interesse e la solidarietà del pubblico hanno rimepito l’atmosfera sin da subito ed è stato un vero piacere poter incontrare tante persone, tra vecchie amicizie e nuove conoscenze, tutti uniti dal voler festeggiare questo evento come una comunità aperta e accogliente.

Con la fine del restauro di ViIla Boldù-Grimani e l’ingresso dei primi abitanti, il “Villaggio Solidale” prende vita!

La storica Barchessa di Villa Boldù-Grimani è la prima struttura del “Villaggio Solidale” pronta all’ospitalità: i suoi spazi in particolare sono destinati ad accogliere persone con difficoltà socio-economica temporanesa  e/o mamme con figli. Da pochi giorni abbiamo qui con noi i primi ospiti. Inoltre, già ora nella Barchessa abitano alcune ‘famiglie solidali’ che nel Villaggio si impegnano a vivere pienamente un vicinato solidale, quotidianamente in relazione con gli altri abitanti in difficoltà per il benessere comune.

L’inaugurazione del Villaggio Solidale si è svolta all’insegna della condivisione e dei festeggiamenti, per coinvolgere e ringraziare la comunità in questo momento così significativo.

Evento realizzato con il Patrocinio del Comune di Mirano.

 

Maggio 2011 : Arrivano i primi abitanti nel Villaggio Solidale

Il 2011 é un anno di svolta per il Villaggio Solidale: a maggio le famiglie solidali sono arrivate ad abitare nella Barchessa di Villa Boldù-Grimani e a giugno sono arrivate alcune persone in situazione di difficoltà economica o socio-relazionale in 3 degli appartamentini dedicati alle accoglienze temporanee.

Il Villaggio Solidale prende vita: quello che era un cantiere è dventata  una casa aperta ed accogliente, nella quale persone con esperienze diverse si incontreranno per condividere i bisogni e trovare una maggiore serenità, per cambiare in meglio la vita di ognuno!

 

23 ottobre 2010 : PRESENTAZIONE DEL VILLAGGIO

Il 23 ottobre é stato un giorno speciale per il Villaggio Solidale. Quasi 500 persone hanno voluto esserci vicine nel corso del nostro primo evento di presentazione pubblica. Tanti I rappresentanti delle istituzioni e delle organizzazioni locali del terzo settore, così come famiglie e singoli cittadini curiosi di scoprire o di capire meglio come il Villaggio Solidale contribuirà al benessere della comunità .

E’ stata una giornata piena, a partire dal convegno di presentazione della mattina: al tavolo dei relatori Franco Bomprezzi, giornalista di “Vita – Il settimanale del non profit”, il Presidente Guido Gini, il Presidente della Cooperativa “Il Villaggio Globale” Bernardino Mason, Tarcisio Rebellato per l’Associazione Papa Giovanni XXIII, Bruno Volpi per l’Associazione Mondo di Comunità e Famiglia, il dott. Giancarlo Sanavio, Padre Tullio Locatelli  Responsabile nazionale dei Padri Giuseppini del Murialdo, il Direttore della Fondazione Talenti Dario Quarta.

Sono inoltre intervenuti il Presidente della Conferenza dei Sindaci Fabio Livieri, l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Pianiga Federico Calzavara, l’Assistente Sociale del Comune di Dolo Antonella Strada e Raffaele D’Errico Direttore della Fondazione Banca Santo Stefano.

Subito dopo la cittadinanza si é riunita per la posa della prima pietra della Casa “Nuova Aurora”, struttura che ospiterà persone con disabilità psicofisiche in una serie di appartamenti protetti e una comunità alloggio, dotate anche di spazi diurni e di aggregazione. Il Vicario Generale di Treviso Mons. Giuseppe Rizzo ha benedetto il terreno su cui sorgerà la palazzina, alla presenza dell’Arciprete di Mirano Don Lino Regazzo e il Sindaco del Comune di Mirano Roberto Cappelletto. L’ing. Giancarlo Dalla Libera ha descritto le caratteristiche edilizie di questo progetto tutto centrato sulla sostenibilità energetica e alla funzionalità.

Dopo una lettura di Franco Bomprezzi, il Sindaco di Mirano e Mons. Giuseppe Rizzo hanno scoperto la targa inaugurale del via ai lavori alla costruzione della Casa “Nuova Aurora”, riportante la data del 23 ottobre 2010.

Dopo il pranzo offerto dalla Fondazione a tutti i partecipanti, sono state aperte le visite guidate agli spazi già accessibili del Villaggio. Un modo per far toccare con mano ciò che sta venendo realizzato giorno dopo giorno all’interno del cantiere di Via Miranese 13.

Nel mentre e a seguire, gli spettacoli del coro di persone diversamente abili dell’Associazione “AVID – I Fiorellini” di Mirano e del gruppo di teatro “Collettivo Sottoportico” dell’Associazione “IL PORTICO” di Dolo, che hanno intrattenuto, divertito ed emozionato il pubblico in sala. In chiusura, la castagnataorganizzata dai volontari del gruppo di Moniego e le danze del Gruppo Danze Popolari di Marghera.

La Fondazione Cav. Guido Gini ringrazia sentitamente tutti coloro che col proprio calore e attenzione hanno dato al Villaggio Solidale la possibilità di farsi conoscere e di creare legami col territorio. Non mancheranno altre occasioni di incontro, conoscenza e condivisione!

Saluti delle Autorità

La Consegna della Chiavi e il Taglio del Nastro

La Visita della Barchessa

Spettacolo di “Marco e Pippo”